Spaghetti all'amatriciana
Spaghetti all’amatriciana, un piatto regionale riproposto in tantissimi ambiti, sia a casa, che anche da chef professionisti o cuochi amatoriali. Sono uno dei maggiori argomenti di discussione, gli spaghetti all’amatriciana dividono, accendono gli animi, però attenzione, che siano bucatini o spaghetti, pancetta o guanciale, aglio o cipolla, in qualsiasi variante rimangono l’ideale per un pranzo così come anche per una cena. Da dove nasce questo fantastico piatto? Si dice sia nato ad Amatrice, essendo nel particolare il pasto principale dei pastori, inizialmente però era senza pomodoro e veniva chiamato “gricia”, poi è stato modificato nel tempo con l’aggiunta del pomodoro quando quest’ultimo venne importato dall’America e per questo poi prese il nome di Amatriciana. Dopo aver raccontato la storia del primo più conosciuto al mondo saranno sicuramente più chiare le motivazioni per le quali esistono così tante varianti di cui ancora oggi si discute. Una delle tante versioni è quella che oggi proponiamo per unire in un unico nome la bontà ed il carattere determinato che solo un piatto come gli spaghetti all’amatriciana può avere. 

Ingredienti:
  • Pomodori pelati 400 g
  • Guanciale di Amatrice 150 g
  • Pecorino romano da grattugiare 75 g
  • Sale fino q.b. Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Peperoncino fresco 1
  • Vino bianco 50 g

Procedimento per la preparazione 

Per preparare gli spaghetti all’amatriciana, per prima cosa si deve mettere a bollire l’acqua per la pasta da salare, nel frattempo si preparano i condimenti.
1) Si prende il guanciale, si elimina la cotenna e si taglia a fette di 1 cm di spessore e poi a listarelle di circa mezzo cm.
2) Si scalda un filo di olio in una padella d’acciaio, si aggiunge il peperoncino intero ed il guanciale tagliato a listarelle, si fa rosolare a fiamma bassa per 7-8 minuti fino a che il grasso non diventa trasparente e la carne bella croccante.
Attenzione a mescolare spesso il condimento per evitare che si bruci. Quasi a fine cottura sfumare con il vino bianco e lasciare evaporare. 
3) Togliere le listarelle e adagiarle su un piatto, versare nella padella i pomodori pelati e cuocere per 10 minuti. Al termine qualora non dovesse essere di proprio gusto, togliere il peperoncino.
4) Quando l’acqua avrà raggiunto il bollore versare gli spaghetti e cuocerli al dente. 
5) Infine saltare la pasta con il condimento e spolverizzare con il pecorino grattugiato.

Consiglio: Gli spaghetti all’amatriciana possono essere conservati dentro un contenitore in frigorifero per massimo un giorno, qualora dovessero essere conservati per più tempo si consiglia la congelazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here