perla rubino con video di luca montersino

Perla rubino (con video) di Luca Montersino

Perla Rubino 01

Ieri sulla mia pagina facebook ho lanciato un piccolo sondaggio. Quale tra questi due dolci, con video incorporato, vorreste pubblicato sul blog domani mattina? Perla Rubino di Luca Montersino, oppure Cassata Siciliana?

Indovinate un pò quale ha vinto?!

Questa è la torta che ho preparato per il mio compleanno qualche giorno fa: desideravo farla da tempo, ma mi ha sempre messo soggezione. Non perchè sia difficilissima da preparare, quanto perchè, con quella sua glassa bianca, mi sembrava molto elegante, raffinata, mi sembrava una torta da occasione speciale. E quale occasione speciale migliore di quella di un compleanno?

Perla Rubino 05

Foto di Stefania Oliveri

Luca Montersino ha pubblicato diverse versioni di questa torta, mantenendo comunque sempre le uguali le preparazioni di base. Io ho seguito la dose data in tv a Dolci dopo il tiggì lo scorso anno.

Quando pubblico questo tipo di ricette, mi rendo conto dai vostri commenti che ciò che io ritengo semplice o scontato, per molti non lo è. Ho pensato quindi di farvi un piccolo regalo. Ho realizzato un video (molto casalingo) in cui vi mostro come ho realizzato tutte le preparazioni, e come ho assemblato il tutto. Vi piace questa nuova versione di post?

Perla Rubino 02

  • PANDISPAGNA SENZA GLUTINE
  • GELE’ AI FRUTTI ROSSI

  • BAVARESE AL CIOCCOLATO BIANCO

  • GLASSA BIANCA

Dopo aver visto passo passo tutte le preparazioni, vediamo come assemblare e glassare questa torta

 

Ed eccola qui la nostra Perla Rubino! Vi piace? Ditemi di si, perchè questo post mi è costato tantissimo in termini di tempo e di pazienza! ????

Perla rubino 04

Per comodità vi scrivo la ricetta. Come potete vedere nei vari video, ho nelle diverse preparazioni ho utilizzato indistintamente sia la colla di pesce in fogli che in polvere. E’ la stessa cosa, la si usa in pari dose e va idratata in ogni caso con 5 volte il suo peso di acqua

Perla Rubino (con video)

di Luca Montersino

Per uno stampo da 24 cm

Per il pandispagna (dose mia)

3 uova

90 gr zucchero

100 gr amido di mais

Per la gelè ai frutti rossi:

220 gr polpa di frutti rossi

35 gr destrosio

90 gr zucchero

10 gr colla di pesce (a mio avviso è eccessiva, la prossima volta ne uso 8)

50 gr acqua

Per la bavarese al cioccolato bianco:

187 gr latte

187 gr cioccolato bianco

75 gr tuorlo

30 gr zucchero

30 gr glucosio

375 gr panna montata

semi di 1/2 bacca di vaniglia

10 gr gelatina

50 gr acqua

Per la glassa bianca:

60 gr latte

100 gr panna

300 gr cioccolato bianco

30 gr zucchero

25 gr glucosio

8 gr colla di pesce (a mio avviso sono eccessivi, la prossima volta ne uso 6)

40 gr acqua

1 gr biossido di titanio (colorante bianco)

 

 

Oggi è il 100% Gluten Free (fri)Day

Buon Appetito!
Stefania

Comments

  1. Se avessi mai avuto in mente di prendere il biossido di titanio, adesso so dove trovarlo! ????
    P.s. Ho studiato a fondo, ho visto tutto e… la prossima me la fai tu!

  2. Eccerto che mi è piaciuta che scherzi,è una favola ci credo che ti è costata fatica perchè è “trafficosa” però il risultato è strabiliante davvero,bravissima bravissima bravissima!!!!!

    • Ciao federica! Grazie al tuo commento mi sono accorta di non aver specificato la dimensione dello stampo. ne ho usato uno da 24 cm. Mi è rimasto un disco di pandispagna e poca bavarese. Rimane anche della glassa, ma è normale: deve essere abbondante per poter colare da tutti i lati

  3. Ciao Stefania! ???? ho scoperto il tuo sito per caso cercando la ricetta della Perla Rubino in internet! Sei bravissima e complimenti anche per la realizzazione del video! Ti ringrazio molto perché mi sarà di enorme aiuto fra qualche giorno quando proverò a farla per una festa fra amiche! Non vedo l’ora di cimentarmi in questa ricetta un po’ lunga e complicata ma buonissima e di enorme soddisfazione! Ti farò sapere come va! Spero venga bene anche senza glucosio, destrosio e biossido di titanio (quindi un po’ “giallina”). Un saluto! ????

    • Ciao Irene, grazie per il tuo commento. Sono contenta che il video ti possa essere di aiuto, è proprio l’intento con cui l’ho realizzato. Fammi sapere se hai dubbi o se c’e qualcosa di poco chiaro. Buon lavoro.

      • Grazie! L’unica cosa su cui ho un dubbio è questa: posso usare la colla di pesce invece che la gelatina per tutte e tre le preparazioni, visto che ne ho tanta a casa? E se sì, mantengo le stesse dosi di acqua e verso tutto senza strizzare la colla di pesce? Grazie!

        • Si, puoi usare lo stesso peso di colla di pesce in fogli, con la stessa quantità di acqua e senza strizzarla. Scioglila con tutta la sua acqua scaldandola pochissimo: non deve assolutamente bollire

          • Ciao Stefania! ???? Ti voglio ringraziare perché il dolce è venuto benissimo! Ha avuto un grande successo! Buono e bello “da pasticceria”, come mi hanno detto! Se potessi ti allegherei le foto! Ora mi sono lanciata e non vedo l’ora di fare altre torte complesse! Irene

            • Bene, che bello! Sono troppo contenta! Lanciati, vedrai che con la pratica andrà sempre meglio!
              Se ti va, puoi mandarmi una mail con la foto. L’indirizzo è tra i contatti

    • Ciao Gisella, in questa ricetta poi sostituire il destrosio con uguale pesto di zucchero

  4. buongiorno la torta è stupenda,volevo chiederti se la devo fare per domenica quanti giorni prima devo farla?

    • Ciao Ivana! Puoi inizare a lavorarci anche oggi, e tenerla in freezer fino alla sera precedente in consumo. Considera che questo tipo di torte possono stazionare nei freezer casalinghi fino ad un mese. L’importante è farle scongelare in frigo per una notte prima di consumarle

Trackbacks

  1. […] chiariva ogni mio dubbio e sopiva ogni mia preoccupazione. La sua magnifica Perla rubino la trovate qui, corredata anche da video che spiegano le varie fasi della sua preparazione nel minimo dettaglio. […]

  2. […] tre giorni ma vi assicuro che ne vale la pena. La ricetta del pan di spagna, senza farina è di Stefania Conti che spiega benissimo il procedimento in […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *