crema pasticcera con latte di mandorla

Crema pasticcera con latte di mandorla

Capita a volte di avere necessità di realizzare un dolce per un amico o un parente intollernate al lattosio. Oppure, può succedere di avere voglia di qualcosa di buono e aver terminato il latte.
Ecco allora che il latte di mandorla può venirci in soccorso. E’ molto buono e ha un sapore delicato, si presta bene a questo tipo di preparazioni dolci, è molto nutriente e, sopratutto, è buonissimo. Esistono diverse marche in commercio, alcune veramente buone, altre meno. Se il latte di mandorla che acquistate abitualmente non incontra il vostro gusto, vi consiglio di provare a cambiare marca

Crema pasticcera con latte di mandorla

250 gr latte di mandorla
80 gr tuorlo
80 gr zucchero
20 gr amido di mais
scorza di limone
vaniglia

In una ciotola mescolare i tuorli con lo zucchero, gli aromi e l’amido di mais. A parte, in un pentolino, scaldare il latte di mandorla. Versare il latte bollente sulla crema di tuorli, e poi travasare tutto nel pentolino, mescolando finchè la crema non addensa. Una volta cotta, trasferire la crema in una ciotola di vetro e coprire con pellicola a contatto.

Buon Appetito!
Stefania

Comments

  1. la faccio anch’io ed è buonissima.
    la crema è buona in ogni modo.
    squisita.
    e tu una maestra pasticcera incredibile

    • Ma sai invece che io non l’avevo mai fatta con il latte di mandorla? Cocco o soia si, mandorla no. Buonissima davvero!

  2. Grazie per la ricetta semplice e chiara con l’alternativa al latte vaccino. Vorrei sapere,per piacere, se il latte di mandorla o di cocco deve essere dolcificato o meno e quale marca (di latte di mandorla) acquistare.
    Un ultimo quesito: la buccia di limone deve essere grattugiata o usata in pezzi?

    • ciao Annunziata, in commercio è difficile trovare bevande vegetali a base di mandorla o cocco non dolcificati. Questa dose è tarata per un latte già dolcificato. A mio gusto tra i vari tipi di latte di mandorla, quello Condorelli è il migliore. per quanto riguarda la scorza di limone, puoi fare in entrambi i modi. Se la lasci a pezzi, ovviamente, dovrai eliminarla successivamente alla cottura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *