crema gianduia spalmabile

Crema gianduia spalmabile

2015

 

Non sono contraria alla Nutella. A me piace, anche se ammetto e mi rendo conto che non è un alimento salutare. Non tanto per la presenza del (presunto dannoso) olio di palma, quanto piuttosto per la grandissima quantità di zucchero.
Se desiderate autoprodurre una crema spalmabile che sappia di Nutella, toglieteci mano. E’ impossibile. Non riuscireste mai a seguire una ricetta in cui lo zucchero è, in ordine di quantità, il primo ingrediente, l’olio il secondo e le nocciole in misura del 13%. Vi ribellereste.
Se pensate di trovare una crema spalmabile alla nocciola che sappia di Nutella, non la troverete. La crema spalmabile al gianduia sa di nocciole, di cioccolato e di nuovo di nocciole. Non ha nulla a che vedere con la Nutella. E’ un altro mondo. Almeno una volta nella vostra vita la dovete provare.

 

2015

 Crema gianduia spalmabile

da “Croissant e Biscotti” di Luca Montersino
Per la crema gianduia classica:
250 gr cioccolato al latte
225 gr pasta di nocciole
70 gr olio di riso*
Per la crema gianduia fondente:
200 gr cioccolato fondente 70%
250  gr pasta di nocciole
80 olio di riso
15 gr cacao in polvere

 

Sciogliere il cioccolato e portarlo alla temperatura di 40°. Unire la pasta di nocciole e amalgamare bene. Inserire infine l’olio di riso e mescolare con cura. Emulsionare con il frullatore ad immersione e Fare raffreddare rapidamente fino ad arrivare alla temperatura di 20-22° in un bagnomaria freddo e mescolando di continuo. Versare in un contenitore di vetro. Fare riposare in frigorifero per 4 ore almeno prima di servire
Mi raccomando, seguitemi sulla mia pagina Facebook. Oltre alle mie ricette, troverete nuove idee, le mie videoricette e tanto altro.
Note:
– *nella ricetta originale, è previsto il burro liquido, ovvero il burro chiarificato e fuso nella misura del 50% sul totale. Io ho preferito usare solo olio di riso
– in alternativa all’olio di riso, che ha un sapore molto delicato e neutro, si può usare olio di semi di mais.
– la dose di olio indicata è per una crema che si mantiene spalmabile se conservata in frigorifero a 5°.
– nel caso in cui si voglia procedere con la versione fondente, il accao andrà sciolto nell’olio e poi unito al cioccolato fuso a 45°
Oggi è il 100% Gluten Free (fri)Day
Buon Appetito!
Stefania

Comments

  1. Per me questa è più buona della Nutella perchè da una crema di nocciole ho sempre preteso di sentire le nocciole. Mio fratello invece mi disse, molto cinicamente, “lascia stare, tanto alla Nutella non arrivi” ???? ma io non ci volevo nemmeno arrivare, però invidio alla Nutella la lucentezza e la spalmabilità che, diciamolo chiaro, è unica, e quindi partendo da questa ricetta ogni volta ho sperimentato giocando un po’ con le dosi di burro chiarificato e olio di riso, cacao e cioccolato, bastano piccole variazioni per ottenere di volta in volta qualcosa di diverso, ma devo ancora sperimentare tanto… Comunque sia è troppo buona e chi non è assuefatto dalla Nutella questa versione può apprezzarla davvero tanto.

    • Tu sei il top, hai una buona mano, passione e buon gusto. I tuoi esperimenti sono sempre molto curati e dettagliati e ammiro la tua precisione millimetrica. Un bacione e Grazie!

  2. La trovo adorabile e prima o poi mi cimenterò anche se temo un po’ le ricette dove c’è di mezzo il controllo della temperatura.
    Complimenti per la perfezione e delicatezza delle tue ricette.

    • Fammi sapere! In alcune ricette, sopratutto dove c’è di mezzo il cioccolato, la temperatura è importante. Ma non spaventarti. Male che va, si scioglie tutto e si ricomincia. Bacioni!

Trackbacks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *