carciofi alla villanella in tegame

Carciofi alla villanella (in tegame)

Cerda è un paese collinare a 60 km da Palermo, in cui il fulcro dell’economia agricola è il carciofo, per antonomasia l’elemento rappresentativo del paese. Il carciofo di Cerda è riconosciuto come prodotto di eccellenza, e ad esso viene dedicata, ormai da 33 anni, una sagra che si svolge ogni anno il 25 Aprile. Durante la manifestazione, tra bande musicali e bancarelle in festa, non mancano eventi intrattenitivi di degustazione e presentazione dei prodotti locali. Nella tradizione culinaria siciliana, il carciofo è uno degli ingredienti chiave, e lo si ritrova in numerose preparazioni, dalle più semplici, come questa ricetta che vi propongo oggi, alle più elaborate e saporite, come la parmigiana o la caponata di carciofi.
Comunque lo si prepari, unico comune denominatore è il sapore intenso e penetrante di questo ortaggio.

Il nome stesso di questa preparazione di oggi (alla villanella) dà idea del fatto che stiamo parlando di un piatto della cucina povera. I villani erano sono i contadini che lavorano la terra, persone umili e perbene che mangiano genuino.

Prima di lasciarvi la ricetta, vorrei gongolare un pò! Questo mese Flavia ha scelto me per essere la vostra The Recipe-tionist : è un onore potervi ospitare nella mia cucina. Sarà un piacere vedervi alle prese con le mie ricette, ce n’è per tutti i gusti, da quelle più semplici a quelle più elaborate, dalle sglutinate alle vegetariane, dalle tradizionali siciliane e quelle internazionali. L’indice è aggiornato continuamente, fatevi sotto dunque! Io e Flavia vi aspettiamo da domani fino al 25 Aprile!!!

Carciofi alla villanella
Per 4 persone:
4 carciofi
4 spicchi di aglio
sale, pepe, olio
menta fresca
1 limone
Pulire e tagliare i carciofi, eliminando anche l’eventuale barbetta, e immergendoli subito in acqua acidulata con limone. In un largo tegame, preparare un leggero soffritto di aglio. Farvi insaporire i carciofi, poi coprire con 1 bicchiere di acqua e fare cuocere a fuoco basso e con coperchio per circa mezz’ora. Una volta pronti, spolverare con un trito di prezzemolo o menta frasca. 

Note:
– in genere, l’aglio andrebbe tagliato finemente. Io non lo amo troppo, per cui uso gli spicchi interi che poi elimino.

Anche oggi partecipo al GFFD 
Buon Appetito!
Stefania

Comments

  1. mi piacciono in tutte le versioni i carciofi ^__^
    lia

  2. evvvai stefania, avevo visto che sei la receptionist di questo mese!!! se riesco partecipo più che volentieri ????

    anch'io uso l'aglio esattamente come te!
    buon weekend

  3. Mi piacciono le tue ricette e il fatto di dover sbirciare da te, mi ha permesso di riapprezzare tante tue preparazioni.
    A prestissimo ????

  4. Questi carciofi devono essere buonissimi. Anch'io l'aglio lo uso per insaporire, ma poi lo butto. Mi incuriosisce molto la caponata con i carciofi! Baci

  5. adoro i carciofi e la tua ricetta mi piace tantissimo in quanto esalta al massimo e in modo naturale tutto il loro buonissimo sapore:) bravissima:) e grazie mille per la ricetta:)
    baci
    Rosy

  6. Ormai l'aglio è un lontano ricordo… e già ho pronte due ricette!!! Se non vinco questo mese perché ho fatto la ricetta giusta, la vincerò perché vi inonderò di ricette! ????

  7. Fantastici !!!!!!!!! Devono essere davvero ottimi !!!!!!!!!! Complimenti per il Blog !
    Mi sono iscritta tra le tue lettrici !
    Ti mando anche i link ai miei Blog se ti fa piacere vederli !
    E se hai voglia di iscriverti anche tu mi farebbe piacere !!!!!!!
    http://foodwineculture.blogspot.it/
    e questo di Ricette dei Bimbi
    http://aboutcookingandmore.blogspot.it/
    Ciao e complimenti ancora !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *