martedì 12 luglio 2011

Bavarese ... mousse ... ??? ... alla mandorla



La pasticceria è un'arte scientifica, fine e precisa.
Io sono una pasticciona, spesso creo e mescolo senza ben sapere quello che sto facendo.
Magari ottengo dolci ottimi e consistenze perfette, ma il più delle volte è frutto solo del caso.

E' capitato così con questo dolce.
Ho iniziato a fare, mescolare, alleggerire, aggiungere ... ottenedo un dolce davvero buono, morbido, soffice, fresco, profumato.

Non so però ben definirlo.

Non è una bavarese.
Non è una mousse.
Non è una crema.

Mi aiutate a dargli un nome? Io intanto lo chiamo "Profumo di mandorla"


Per 6 persone:
180 ml di latte intero
2 tuorli
50 gr di zucchero
15 gr di maizena
60 gr di pasta di mandorle al 100%*
90 gr di burro
2 fogli di gelatina
250 gr di panna montata

Per la base:
150 gr di granella di mandorle
150 gr di zucchero
150 gr di glucosio
50 gr di burro
Preparare le base: portare a bollore lo zucchero con il glucosio. Aggiungere il burro e mescolare bene fino a che il composto non è ben amalgamato. Aggiungere la granella di mandorle e fare freddare. Scegliete la forma finale da dare al dolce. L'ideale sarebbe farlo a forma rettangolare, tipo tronchetto, in modo da poter utilizzare uno stampo da plum cake. Versare questo croccante sulla base della teglia che avete scelto e fare cuocere in forno a 180° per 15 minuti. Fare freddare completamente, estrarre il croccante e mettere da parte.

Preparare la crema: scaldare il latte fino a farlo fremere. A parte, sbattere i tuorli con lo zucchero fino a sbianchrli. Incorporare la maizena. Versare un tezo del latte caldo sul composto di tuorli, sbattere con una frusta e poi versare tutto il composto nella pentola con il latte. Portare  a bollore, aggiungere la gelatina ammorbidita e poi spegnere subito il fuoco, lasciando freddare per 10 minuti. Incorporare la metà del burro, poi coprire la crema con pellicola a contatto e fare freddare completamente. Quando sarà a temperatura ambiente, sbatterla con le fruste elettriche, aggiungere la pasta di mandorle e il rimanente burro, emulsionando fino a renderla omogenea. Incorporare, infine, la panna montata molto delicatamente.
Versare la crema nello stesso stampo che avevate usato per il croccante (io ho usato uno stampo in silicone, ma la forma non mi ha agevolato molto ... ), facendo riposare in frigo per almeno 4 ore. Al momento di servire, poggiare la base croccante sul piatto da portata, adagiarvi sopra delicatamente lo stampo di silicone e sformare la mousse/bavarese/crema. Servire decorando con qualche mandorla e con del cioccolato fuso.

N.B. Promemoria per la prossima volta: uno stampo da semifreddo/quadro d'acciaio mi agevolerebbe notevolmente la vita ...


*la pasta di mandorle pura al 100% è ottenuta frullando mandorle leggermente tostate fino ad ottenere una crema liscia e pastosa. Io la acquisto già pronta (ma non è facile da trovare) nei negozi specializzati. In alternativa, può essere sostituita con pasta di nocciole o di pistacchio (in questo caso dovrei cambiare il nome a questo dolce!). Non disdegnerei nemmeno una versione dark con cioccolato al 90%

Buon appetito!
Stefania

17 commenti:

lerocherhotel ha detto...

Che meraviglia! La base fatta con la granella di mandorle deve essere una favola! Ci stuzzica molto anche la versione al pistacchio...

°Glo83° ha detto...

io la chiamerei delizia!!!! il nome non è importante..perchè perdere tempo a chiamrla quando si può MANGIARLA?! :D complimenti deve essere squisita!

sulemaniche ha detto...

spumosona alla mandorla???? cmq sia il nome ci farei un tuffetto!!!

Ale ha detto...

Sarai anche una pasticciona, ma pasticci bene. A me sembra proprio un'ottima spumosa mandorlata =) Buona giornata

l'albero della carambola ha detto...

Non saprei nemmeno io come definirla...ma questo "fiorellone" alle mandorle mi ispira molto! la presenza delle mandorle mi ha fatto pensare al biancomangiare siciliano...
un saluto e complimenti
simona

Glu.fri cosas varias sin gluten ha detto...

Postre Stefania....ossia una invenzione solo tua ! Postre in spagnolo significa dolce, quello che si mangia dopo un pasto e che normalmente non é una torta..

Cristiana ha detto...

mmmmmmm ma che delizia!!!cmq secondo me "profumo di mandorla" ci sta benissimo!!!:)))

Angela ha detto...

Non saprei che nome darle, ma profumo di mandorle ba più che bene, io ne immagino il sapore... e resto incantata :*

LAURA ha detto...

Può sembrare un gelato.....sono sicura comunque che deve essere buonissimo!!!
Baci

Elena ha detto...

Stefania, penso che essendoci la gelatina dovrebbe essere una bavarese, però non ne sono sicura.. quello di cui sono certa è che ha un aspetto meraviglioso e lo immagino fresco che si scioglie in bocca lentamente... io lo chiamerei "sole d'estate alle mandorle" che dici? ;)
Baci

Donatella ha detto...

Ciao Stefy, qualunque cosa sia ha un aspetto magnifico, mi dispiace ma non mi viene in mente nulla per il nome... forse cremosa alle mandorle, ma mi rendo conto che non è così creativo .... sarei sicuramente più brava a mangiarlo. Bacioni

Zia Elle ha detto...

Io la chiamerei "è buona e basta"!! deliziosa, bravissima

Fabiola ha detto...

ciao cara ma se tu sei una pasticciona io che sono????? bellissima.

Memole ha detto...

Ma che buona!!!

Farfallina ha detto...

Dico che Profumo di Mandorle è un nome stupendo e azzeccatissimo. Adoro le mandorle e questo dolce è bellissimo.
Baciotti, Laura

recetasverocava ha detto...

Acabo de conocer tu blog de casualidad y me gusta muchisimo tus recetas asi que me hago con tu permiso seguidora de el mismo e invitarte a que seas mi seguidora si te gusta mi blog un besin y
hasta pronto y gracias por compartir tus recetas

archcook ha detto...

ciao!!!

http://archcook.blogspot.com/2011/07/preparandosi-al-contestdiretti-al-macef.html

questo è un contest da non perdere con premiazione al Macef 2011 a settembre!!
un'opportunità incredibile...passaparola!